conscom


Vai ai contenuti

Marzo

Attività svolte > 2015

Sabato 14 Marzo 2015


Il Prof. Umberto ECO diventa Socio Onorario di CONSCOM nell'ambito delle celebrazioni in nome di San Tommaso d'Aquino che si sono tenute a Roccasecca (Frosinone). L'evento, curato dal nostro Presidente, il cav. Maurizio Lozzi - nella foto sotto con il Prof. Eco -



è stato reso possibile grazie alla collaborazione attivata con l'Amministrazione comunale del posto, nella persona del Dott. Alessandro Marcuccilli, Assessore alla Cultura. L'onoreficienza di Socio Onorario di CONSCOM, apprezzata dal Prof. Umberto Eco, viene doverosamente annoverata nella tradizione dei grandi eventi che la nostra Associazione ha iniziato tempo fa accogliendo, oltre al Prof. Francesco Maria Battisti - maestro del nostro Presidente - anche il Prof. Zygmnunt Bauhman, ritenuto uno dei pensatori più importanti del nostro tempo. La consegna dell'attestazione di Socio Onorario di CONSCOM al Prof. Eco - a lato il momento della consegna - si è tenuta al termine del Convegno Internazionale di Studi Tomistici che ha avuto come tema "Dai primi agli ultimi giorni di Tommaso d'Aquino". Il Comune di Roccasecca, presso la Chiesa di Santa Margherita, ha inoltre conferito l'onoreficenza "San Tommaso d'Aquino" al Prof. Eco al termine dei lavori convegnistici moderati dal Prof. Stefano Pagliaroli dell'Università degli Studi di Verona, fondatore del Centro Studi di Fossanova "Tommaso d'Aquino".


Martedi 10 marzo

Anche CONSCOM si schiera a fianco della campagna "Meno Giornali = Meno Liberi" rappresentata da una palla di giornali malamente accartocciati. Questo è il simbolo della campagna di comunicazione alla quale CONSCOM ha aderito per salvaguardare il pluralismo dell'informazione e per una riforma urgente dell'editoria. Invitiamo i/le nostri/e soci/ie e le persone che ci seguono a firmare la petizione, pubblicata sul sito www.menogiornalimenoliberi.it e su tutti i social network con l'hashtag #menogiornalimenoliberi. Insieme ad altre importanti organizzazioni e realtà del paese abbiamo chiesto di mettere mano ai tagli immotivati del contributo diretto all'editoria e di avviare subito un Tavolo di confronto sull'indispensabile riforma dell'intero sistema dell'informazione che vede oggi coinvolti non solo i media tradizionali, come i giornali, la radio e le tv, ma anche quelli digitali sul web raggiungibili attraverso internet. Ad essere in pericolo di chiusura sono oltre 200 testate non profit che rischiano lasciare senza impiego 3.000 posti di lavoro tra giornalisti, grafici e poligrafici. Nel corso dell'ultimo anno hanno già sospeso le pubblicazioni una trentina di realtà editoriali senza scopo di lucro. CONSCOM, in qualità di associazione promotrice sostiene questa campagna affinché siano rispettati gli impegni che ogni Paese europeo deve impegnarsi a sostenere per promuovere la Carta fondamentale dei Diritti dell'Unione Europea al fine di garantire la libertà di espressione e di informazione. Senza questi giornali l'informazione italiana sarebbe in mano a pochi grandi gruppi editoriali e perderebbe una parte indispensabile delle proprie esperienze.

In evidenza | Benvenuti | L'Associazione | L'Università Popolare | I fondatori | Attività svolte | Membri Onorari | Link | Come iscriversi | Info e contatti | Varie | Cookie Law | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu